Collaborare con innovazione: 7 consigli per un’azienda smart

Osservatorio Crm
Osservatorio CRM 2016: migliorare i processi relazionali con il CRM
16 giugno 2016
Alpha_Go
Elementare, AlphaGo!
16 giugno 2016
Mostra tutto
Azienda Smart

Riportiamo un articolo del nostro CEO Alberto Buzzi che ci racconta il valore della collaborazione in azienda.

“Collaborazione” o “collaboration”: chiamatela come preferite, il senso non cambia.
Partiamo da un dato di fatto: la collaborazione in azienda è necessaria; la sinergia permette di avere processi rapidi, intuizioni nuove, progetti condivisi. Creare aziende e gruppi di lavoro in grado di collaborare in modo snello è un valore aggiunto per l’azienda: in termini di creatività, di efficacia, di specializzazione e di ampiezza di visione.
Per raggiungere obiettivi solidi, e quindi duraturi nel tempo, la collaborazione è un presupposto fondamentale.

Mi è capitato più volte di chiedere, ad amici e colleghi, indistintamente, quali fossero per loro gli strumenti utili per una collaborazione efficace. Silenzio. Il passaggio dalla teoria alla pratica genera crisi, perplessità.
Molte persone, addetti ai lavori inclusi, sono solite pensare agli strumenti informatici come soluzioni individuali e tradizionali: rigidi, complessi, sconosciuti. Spesso mi trovo ad esaminare curricula di brillanti laureati in ingegneria che ci tengono a precisare “Ottima conoscenza del pacchetto Microsoft Office” … vorrei vedere che non fosse così!

Le stesse identiche persone (vi assicuro che non è questione di età, almeno non solo) hanno un account Facebook che usano dieci volte al giorno in ogni modo possibile, uno Twitter, organizzano le cene su Whatsapp con gli amici, mandano foto in tempo reale per documentare i piatti al ristorante, leggono Gmail, Dropbox per scambiare file e tengono su Google Drive tutte le immagini delle ferie. Ma non pensano che si possa lavorare nello stesso modo.

In questi anni, io e i miei colleghi ci siamo sentiti degli “evangelizzatori“, raccontando ogni giorno come fosse possibile portare in azienda non solo degli strumenti nuovi, ma anche una nuova aria, una ventata di freschezza, dando alle persone delle modalità di lavorare, o meglio di collaborare, completamente nuove e semplici.

Abbiamo “sopportato” qualsiasi scusa per non cambiare: l’azienda non mi ha dato il mandato di innovare; gli utenti non sono in grado di adattarsi al cambiamento; non mi fido del cloud; non ci sono soldi; il cane mi ha mangiato i compiti (buona per ogni stagione, dai tempi delle elementari).
Altre volte invece abbiamo incontrato persone aperte, moderne, in grado di capire che ci troviamo invasi da nuove opportunità e che hanno scelto di intraprendere percorsi di miglioramento.

A distanza di sei anni posso dire che non ricordo una sola azienda che abbia fatto un passo indietro.
Anche noi di Injenia, non nella veste di fornitore di servizi e consulenze informatiche, ma come azienda che vive di collaborazione, non possiamo e non vogliamo (lo sottolineo) lavorare come facevamo 10 anni fa con i file system, il vecchio Outlook, senza la mobilità. Tutto senza aver dovuto fare grandi investimenti per cominciare. Per collaborare al meglio bisogna solo aprire la mente.

Questi sono 7 semplici consigli, che desidero condividere con voi, per essere un’azienda smart e al passo con i tempi:

  1. Prima di tutto, è banale, ma: è possibile farlo! Gli strumenti nuovi oggi esistono: si tratta solo di aprire la porta e farli entrare;
  2. Scegliere strumenti di collaborazione facili per gli utenti. La formazione in azienda è importante, ma la collaborazione funziona se gli strumenti per farla sono semplici, intuitivi, in linea con gli strumenti informatici che le persone usano quotidianamente;
  3. Scegliere soluzioni “snelle”: ormai i software hanno centinaia e centinaia di funzioni che sono del tutto inutilizzate;
  4. Il lavorare in ufficio ha la stessa identica importanza dell’attività fatta in mobilità. Dobbiamo poter accedere alle stesse informazioni, operare nello stesso modo;
  5. Interagire facilmente con diverse piattaforme: Windows, Apple, Linux, Android, iOS;
  6. Selezionare soluzioni cloud based, non appesantendo il lavoro del reparto IT;
  7. Non avere paura di cambiare. Oggi il cambiamento è a portata di tutti ed è molto più semplice di come si può immaginare.

Buona collaborazione!

Rimani aggiornato sulla digital trasformation, non perdere i prossimi Inthinking

Iscriviti alla newsletter!

Link rapidi Google Partner: Link rapidi Trasformazione Digitale: Link rapidi Rivenditore Google: Link rapidi Cloud Platform: Link rapidi al sito SuiteCRM:
mostra link
web marketing
Zoho Crm
Customer First
conto corrente online

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi