Il futuro tra smart data, VR e AI

Workshop InTech
2 Febbraio 2017
Centro Medico Santagostino – Innovare per offrire il meglio
10 Febbraio 2017

Era il 2010 quando gli smartphone iniziarono ad essere seriamente presi sul serio, avviando una rivoluzione senza precedenti, invadendo la vita delle persone in tutti i suoi ambiti. Il 2010 è stato l’anno della svolta, con l’esplosione degli app store, l’avanzata di tecnologie sempre più innovative sia hardware che software, la crescita enorme di Android, come piattaforma aperta per lo sviluppo di app integrate col mondo Google, in concorrenza ad una sempre più innovativa ed agguerrita Apple, che ha reso il prodotto smartphone alla portata di tutti, per usabilità e “stile”.
Oggi, riguardando indietro di soli sette anni (sembra un’eternità, ma sono solo sette anni!), ci rendiamo conto che erano le basi per la nascita di un nuovo futuro, una rivoluzione tecnologica e commerciale che ha sbancato intere aziende, ha stravolto tutte le leggi economiche dei mercati e ha rivoluzionato il nostro modo di comunicare, interagire, di lavorare, di divertirci, di vivere. I fondamenti delle nostre società e comunità moderne sono stati portati su un piano completamente nuovo, che nel giro di pochissimo tempo è diventato la normalità.

Non ce ne siamo nemmeno accorti; in un battito di ciglia il mezzo è diventato parte di noi, perfettamente fuso con il nostro “essere digitali”. E così il mobile è diventato un abilitatore naturale delle piattaforme cloud, pervadendo ogni istante dei nostri “micro-momenti”, in ogni processo privato, pubblico e lavorativo.
Questo periodo di grandi e velocissimi cambiamenti fa sì che oggi ci troviamo di fronte alla valanga, iniziata con il mobile, proseguita ed in corso con il cloud, per arrivare all’enorme potenziale di infrastrutture tecnologiche, servizi, sistemi, metodologie sempre più potenti a servizio di qualunque ambito del nostro quotidiano, sia esso personale o di business. E’ grazie a tutte queste componenti tecnologiche, sempre meno costose e sempre più versatili, che oggi ci troviamo nel turbine di trend come i big data analytics, gli smart data, la realtà virtuale e l’intelligenza artificiale. In questo scenario in continua evoluzione l’hardware ed il software non hanno più i ruoli distinti che avevano nel passato, ma sono sempre più interconnessi tra loro, dando un ruolo centrale ed essenziale ad algoritmi che automatizzano non più solo dei processi “semplici” (come potrebbero essere quelli di un workflow con step noti a priori), ma anche interi sistemi che auto-apprendono dall’esperienza e si perfezionano nel tempo, grazie all’utilizzo di enormi e selezionate quantità di informazioni.

Come sarà cambiato lo scenario tra altri sette anni? Avremo assistito all’avvento dei robot umanoidi con cervelli “positronici” che sostituiranno gli esseri umani in alcune attività lavorative? Potremo veramente realizzare interi viaggi dentro realtà virtuali dove avremo le esperienze sensoriali complete? O avremo “solo” costituito una nuova entità sotto forma di grande cervello centrale che può dare risposte a qualunque domanda in linguaggio naturale?
Una cosa è certa, le aziende dovranno fare i conti con questo tsunami di trasformazione digitale, che è già in atto, e chi saprà gestire e padroneggiare le tecnologie digitali sarà avvantaggiato per fornire alle proprie persone ed ai propri clienti servizi sempre meglio “targettizzati”.

E’ in quest’ottica che nascono le 5 tappe del workshop “InTech: discover, design and play the future”: aiutare le aziende a gestire le tecnologie abilitanti per realizzare nuovi servizi e prodotti, adottare nuovi processi e metodologie per sfruttare al meglio il patrimonio dei dati generati in azienda, relativi ai propri clienti e partner, integrandoli con dati “open”, per ottimizzare i margini, migliorare sempre più i servizi erogati, avvalendosi di tecnologie innovative come la realtà virtuale e l’intelligenza artificiale, in un ambito enterprise che generi valore di business.

Fino a pochi anni fa tutto ciò era impensabile, o estremamente costoso. Ora non più: il futuro è in corso, play the future.

Federico Baffetti – Business Development & Innovation, Injenia Srl

 linkedintwitter

Rimani aggiornato sulla digital trasformation, non perdere i prossimi Inthinking

Iscriviti alla newsletter!

Privacy *
Leggi l'informativa sulla privacy
0Shares
Link rapidi Google Partner: Link rapidi Trasformazione Digitale: Link rapidi Rivenditore Google: Link rapidi Cloud Platform:
mostra link

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi