L’Intelligenza Collettiva incontra l’Intelligenza Artificiale

Industrial Production Forum
2 Maggio 2019
Zero Lock-in
10 Maggio 2019

L’Intelligenza Artificiale apre sempre di più scenari e prospettive d’uso interessanti. L’applicazione di modelli matematici e algoritmi sull’analisi dei dati, permette di trovare relazioni importanti, predire scenari e ottimizzare processi aziendali. Ad oggi la crescita esponenziale di questa ottimizzazione, pone al centro le persone come coloro che hanno una conoscenza adeguata per trovare la giusta soluzione, che risponde ad esigenze di business precise.

Un progetto AI di successo infatti non si riduce ad addestrare reti neurali, ma è affiancato dalle migliori idee di business e dall’Intelligenza Collettiva, ovvero dal sapere delle singole persone che diventa patrimonio dell’azienda.

Injenia propone una visione sull’Intelligenza Artificiale, in cui si tende ad analizzare il rapporto uomo – tecnologia e mette in risalto i principali ambiti di applicazione del AI, evidenziando gli aspetti negativi che possono compromettere la riuscita del progetto.

 

Intelligenza Collettiva e Intelligenza Artificiale: la simbiosi vincente per il business

 

Cristiano Boscato, all’evento AI Forum, ha presentato l’intervento L’Intelligenza Collettiva incontra l’Intelligenza Artificiale, mostrando la visione di Injenia sull’Intelligenza Artificiale. La tematica principale è stata quella dell’importanza del rapporto uomo – tecnologia, in cui sono stati presentati i migliori approcci per migliorare il lavoro delle persone.  

L’ Intelligenza Artificiale porta con sé una moltitudine di vantaggi per il business: automazione dei lavori ripetitivi e complessi, analisi in real time dei dati, aumento della business intelligence. E’ senza dubbio un’opportunità senza pari, ma ancora un’incognita significativa per molte aziende: al momento, infatti, non esiste una procedura standard su come gestire in modo ottimale i progetti di Intelligenza Artificiale. Quello da cui bisogna partire è la cultura, la quale costituisce il 50 % delle attività di Machine Learning. I dati ai fini progettuali sono estremamente importanti ma è necessario analizzare il contesto in cui l’algoritmo viene applicato perché il suo successo è determinato dal fattore umano.  

Allo stesso modo, la scelta delle fonti dati può compromettere l’ottimale riuscita di un progetto di AI. Emblematico è il caso, raccontato da Boscato, di una rete neurale allenata sui dati indicati dall’azienda cliente e scelti per la loro attendibilità che, però, restituiva risultati non in linea con le aspettative. Solo il confronto diretto con gli addetti ai lavori, ha permesso di capire che i dati “ufficiali” venivano spesso integrati con fonti alternative. La rete, riallenata integrando i nuovi dati emersi, è stata capace di fornire output di valore.  

La definizione di successo è uno degli elementi chiave: essa deve essere chiara e condivisa con il cliente, per essere definita sulla base del valore auspicabile. Nella maggior parte dei casi, il massimo valore di un progetto ML si ottiene non quando la macchina sostituisce l’uomo ma quando lo agevola nel lavoro e lo supporta nelle decisioni. Creare un digital twin, ovvero una copia o un gemello virtuale di quello che succede nella realtà, permette all’operatore di interrogare la macchina sui possibili scenari che possono presentarsi al modificarsi delle variabili o a fronte di una scelta operativa. Con un Digital Twin la decisione ultima spetta all’uomo, dotato di esperienza, competenza e sensibilità che nessun algoritmo potrà raggiungere al medesimo livello. La tecnologia ha il compito di supportare la decisione e potenziare le capacità umane.

Grazie alla sua esperienza maturata negli anni, Injenia ha trovato un comune denominatore: un progetto di Intelligenza Artificiale di successo non si riduce al semplice addestramento della rete neurale, ma è affiancato dalle migliori idee di business e dall’intelligenza collettiva, ovvero dal sapere delle singole persone che diventa patrimonio dell’azienda.

Quello che occorre fare, è considerare l’Intelligenza Artificiale come uno strumento per potenziare l’intelligenza delle singole persone, capace di migliorare il lavoro dell’uomo per rendere i processi aziendali semplici e rapidi. Questo sta avvenendo grazie alle piattaforme di social collaboration, che estendono a livello professionale le comuni pratiche con cui interagiamo nella vita di tutti i giorni.

 

Vantaggi

  • automazione dei lavori ripetitivi e complessi
  • analisi in real time dei dati
  • aumento della business intelligence

Rimani aggiornato sulla digital trasformation, non perdere i prossimi Inthinking

Iscriviti alla newsletter!

Privacy *
Leggi l'informativa sulla privacy
0Shares
Link rapidi Google Partner: Link rapidi Trasformazione Digitale: Link rapidi Rivenditore Google: Link rapidi Cloud Platform:
mostra link

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi