Tech News – Kubernetes ottiene il riconoscimento Graduated Project dal CNCF

IDC Software-Defined Everything
19 Marzo 2018
Merendine, meteoriti e il marketing non convenzionale
Merendine, meteoriti e il mktg non convenzionale
26 Marzo 2018

Kubernetes, il sistema open source di Google che automatizza la distribuzione, il ridimensionamento e le operazioni per i container cluster, è il primo open source ad aver ottenuto il riconoscimento di “Graduated Project” dal Cloud Native Computing Foundation (CNCF).

Il nuovo paradigma di calcolo cloud-native computing

Il CNCF riunisce i principali produttori in più rapida crescita tra cui Kubernetes, Prometheus e Envoy, valutandone le caratteristiche e l’utilità per favorire la collaborazione tra i vari attori: sviluppatori, utenti finali e fornitori.

Per ottenere il riconoscimento di “Graduated Project” è necessario che i progetti dimostrino un processo di governance strutturato, un forte consenso pubblico e il coinvolgimento della community.

Cloud Native Computing Foundation  è una piattaforma software dedicata a rendere il cloud native computing universale e sostenibile. Il Cloud-native computing è un nuovo paradigma di calcolo che utilizza uno stack software open source per il deploy di applicazioni containerizzate e orientate ai microservizi al fine di ottimizzare l’uso delle risorse disponibili e realizzare più facilmente progetti di grandi dimensione e con alto grado di complessità.

Kubernets: il primo open source Graduated Project

Il passaggio di Kubernetes a Graduated Project è un importante riconoscimento del lavoro svolto, in più di dieci anni, dal team Google. Il continuo aggiornamento del progetto dimostra tale impegno arrivando a includere caratteristiche quali un’implementazione aperta e modulare, cluster multizona, load balancing, autoscaling.

Con la rapida crescita del progetto, l’ampia partecipazione di numerose organizzazioni e utenti e la comprovata capacità di operare ad ampio raggio, Kubernetes è in grado di gestire container su larga scala in qualsiasi settore e in aziende di tutte le dimensioni.

I punti di forza di Kubernetes

I punti di forza che hanno permesso al team di Kubernetes di raggiungere questo importante traguardo e che confermano la fiducia da parte di chi l’ha adottato sono principalmente:

  • il focus sull’utente, cioè il coinvolgimento di più utenti con conoscenze ed estrazioni eterogenee in grado di dare feedback preziosi ai tecnici Google
  • la creazione di una vera e propria community
  • investimenti ingenti e continui nell’infrastruttura di test, nell’automazione per la revisione delle modifiche, nella gestione dei progetti, nei programmi di mentoring
  • l’abilitazione di un ecosistema eterogeneo attraverso la creazione di una piattaforma utilizzabile in svariati ambiti come elemento rivoluzionario.

 

Questi aspetti hanno reso Kubernetes una piattaforma di successo in grado di garantire un’architettura modulare con interfacce definite. Inoltre, i meccanismi di estensione di Kubernetes, come l’ aggregazione API e le definizioni delle risorse personalizzate, consentono agli sviluppatori di portare la piattaforma verso nuove direzioni in grado di rispondere a diverse esigenze di performance ed efficienza.

Rimani aggiornato sulla digital trasformation, non perdere i prossimi Inthinking

Iscriviti alla newsletter!

Privacy *
Leggi l'informativa sulla privacy
10Shares
Link rapidi Google Partner: Link rapidi Trasformazione Digitale: Link rapidi Rivenditore Google: Link rapidi Cloud Platform:
mostra link

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi