Promedi
Promedi – La trasformazione digitale nell’editoria
12 luglio 2016
IoT
Injenia e IoT: il futuro delle imprese
14 luglio 2016
Mostra tutto
realtà virtuale

Anche se il nome dovrebbe dirci tutto, oggi si discute ancora molto su cosa si possa effettivamente definire Realtà Virtuale (VR); eppure i “grandi” della tecnologia sembrano abbastanza ottimisti sul suo futuro.  

La piattaforma smartphone è ormai dominata da Apple e Google e anche se probabilmente ci vorranno ancora molti anni per vederla diventare parte integrante della nostra vita quotidiana, stiamo assistendo alla corsa per chi si aggiudicherà la partita della VRE’ incredibile pensare a che punto siamo, proprio quando “praticamente nessuno” la sta ancora utilizzando. Eppure, pensandoci bene, la strada è già intrapresa da un pò.

Microsoft aveva proposto una demo interessante dei suoi occhiali Hololens. HTC, il produttore di smartphone, ha puntato su Vive per la rinascita. Facebook ha acquisto Oculus Rift e sta assumendo antropologi per capire il linguaggio del corpo. Google, ormai nell’estate del 2014, ci ha stupito con quel cartoncino con due lenti chiamato Cardboard che unito al nostro smartphone ci trasporta “in un altra realtà”.

Oggi possiamo cominciare ad intuire le potenzialità di queste tecnologie mentre già assistiamo ai primi progetti concreti come ad esempio Expeditions Pioneer Program: in molte scuole di tutto il mondo si utilizza  una finestra costruita con quel “cartoncino” bilente come metodo didattico per raccontare la storia, esplorare la geografia e conoscere l’attualità.

Un giorno non ci condivideremo solo documenti di lavoro, foto e video delle vacanze o semplici post, ma saremo noi i protagonisti liberi di guardarci attorno a 360° per esplorare avvenimenti, meeting, luoghi e scoprire quei dettagli praticamente invisibili e nascosti da qualche parte dietro l’inquadratura. Un giorno progetteremo automobili, strade, città, palazzi, faremo test drive e proveremo un abito con il solo ausilio della VR. Come ogni novità, la VR ci porterà dubbi, domande, critiche ma è esattamente grazie a questo confronto che saremo capaci di ridiscutere il nostro ruolo, i nostri limiti e le nostre potenzialità. Forse sono ancora solo sogni, ma come ci insegnano i più grandi pionieri del futuro: grandi sogni fanno grandi uomini e grandi aziende.

Rimani aggiornato sulla digital trasformation, non perdere i prossimi Inthinking

Iscriviti alla newsletter!

Privacy *
Leggi l'informativa sulla privacy
digital marketing conto corrente online
0Shares
Link rapidi Google Partner: Link rapidi Trasformazione Digitale: Link rapidi Rivenditore Google: Link rapidi Cloud Platform:
mostra link

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi